Le giornate no...

Stamattina niente albeggio, mi sveglio, con tutta calma faccio colazione e mi vesto, mia moglie va a lavorare e io prendo la via del mare.
Lo trovo formato, bello. Scendo al primo spot e vedo l'acqua molto pulita, il sole fa capoccella tra le nuvole che vanno e vengono.
La marea è in discesa e provo in un punto dove con queste condizioni potrei trovare la giusta corrente. Subito metto il collaudato bm120 e dopo una decina di lanci, tra un scoglio e un altro arrivava l'attacco!!
La corrente rallenta il recupero, ma naturalmente riesco a portarmi la preda a tiro, tempo di realizzare come tirarla su, dato che mi trovo su una scogliera e naturalmente il guadino sta in macchina, che lei con un brusco movimento si slama lasciandomi come un pirla sullo scoglio.


A occhio un pesce sulla kilata.....con l'amaro in bocca continuo a pescare per il resto della mattina in vari spot senza nessun risultato.
Pomeriggio decido di riprovare, cambio spot, mare stupendo e marea in salita.
Comincio a sondare le varie buche e i vari ostacoli con uno swing impact fino ad arrivare ad un insenatura tra i scogli, tre lanci e botta secca con piccola sfrizionata!!! niente non c'è rimasta!!!


Giornata nera...in compenso ho passato una giornata di pesca e mi sono goduto il mare....

Freddo non ti temo

Ormai è in inverno pieno e nonostante sono al mare la tramontana regna da settimane con temperature che sfiorano lo 0.

Una piccola e brevissima perturbazione da sud spezza questo periodo di alta pressione, naturalmente la sfrutto quanto possibile ma senza risultati. La sera ho ancora un po’ di tempo e nonostante il mare sia quasi calmo e la tramontana ritorna a farsi sentire, mi mangio un panino al volo e vado a cercarmi un posticino per pescare.

Coperto in maniera adeguata porto con me un attrezzatura "leggera", una delle mie solite combo "vanitose"...Arrivo sul posto e trovo le condizioni perfette, monto un bm90 e comincio a lanciare, corrente perfetta! Mi sono bastate tre passate e quasi sotto i piedi arriva l’attacco!!


Rod: Smith Paddlist 67L

Reel: Daiwa Caldia 2500LT

Line: Sunline SuperPE 10LB

Terminal: Shimano Antares 0,25 FC

Lure: BM90 con assist hook

Casting in mare? perché no!

Odio o amore? pazzia o normalità? Il casting in mare sembra quasi una limitazione alla classica pesca dalla spiaggia o scogliera con le attrezzature da spinning che si utilizzano di solito.

Per me è amore, certo non ci pesco sempre e ammetto che a volte sembra che mi complico la vita da solo... è vero ci sono dei pro e i contro, però sta al pescatore scegliere se affrontare o meno quello che io chiamerei "passaggio al livello successivo"

Perché pesco a casting in mare?



Venendo dalla pesca al bass dove pesco regolarmente con attrezzatura da casting parto un pelo avvantaggiato, certo le situazione sono abbastanza diverse, però, basta curare il tutto e il gioco è fatto.

Partirei con i lati negativi e il primo è sicuramente il vento, da 10 nodi in su di scirocco o libeccio che sia eviterei l'attrezzatura da casting, non dico che è impossibile ma è molto limitante, avere il vento contrario non ci permette di pescare bene....filo in bando e overcast...
Lanci non lunghissimi, per quanto siamo bravi e abbiamo l'attrezzatura più performante sul mercato, le distanze che raggiungiamo con lo spinning, soprattutto con il vento a sfavore, è difficile averle.
L'incaglio, con lo spinning possiamo giocare a "molla" con l'archetto del mulinello e spesso si riesce a salvare l'esca, a casting non è possibile, e la soluzione migliore è tirare dal filo in eccesso anziché tirare a canna dritta.
L'utilizzo di esche con pesi diversi, che con lo spinning è apparentemente normale, ma che a casting risulta meno semplice e poco pratico, esche troppo leggere non si riescono a lanciare a meno che abbiamo un'attrezzatura idonea.

Ma il fascino dell'attrezzatura da casting è imparagonabile con lo spinning;
si lancia liberando con un solo dito la bobina, per chiuderla basta girare la manovella.
Saremo più precisi nei lanci, pescare tra i scogli diventa molto più semplice e potremmo fermare l'esca semplicemente con un dito.
Miglior sensibilità, più potenza e una gestione notevolmente migliore della frizione. Ci stancheremo di meno, l'impostazione del casting ha una bilanciatura di canna e mulinello migliore dello spinning e le attrezzature da casting pesano di meno.

Naturalmente questa è la mia visione, i pregi mi portano a pescare con questa tecnica anche in mare e i difetti mi aiutano a perfezionare e migliorare la mia pratica e le mie esperienze.